Torna a tutti i post

XVIII Settimana di azione contro il razzismo 2022

Prende il via, come ogni anno in questo periodo, la “Settimana d’azione contro il razzismo” (16-21 marzo), alla quale anche Amir | accoglienza, musei, inclusione, relazione partecipa con un ricco programma di attività dal titolo Inform Perform Trasform, Ri-visitare il patrimonio culturale: nuove visite tematiche, una mostra alle Piagge, un seminario realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze e un itinerario in città sulle tracce delle storie degli africani nella Firenze rinascimentale. 

 

Amir – Accoglienza, musei, inclusione e relazione è un progetto avviato nel settembre del 2018 (il nome in arabo significa ‘giovane principe’) e tuttora in corso, a cura di una rete di musei del territorio, finalizzato a proporre attività di mediazione culturale condotte da cittadini stranieri. Attualmente coinvolge trentadue mediatori, otto musei a Fiesole e Firenze (Museo Civico Archeologico e Area archeologica di Fiesole, Museo Bandini, Museo Primo Conti, Museo degli Innocenti, Museo di Palazzo Vecchio, Museo Novecento con MUS.E) riuniti dal 2020 nella Rete Museale Tematica Musei di Tutti, oltre alla Direzione regionale musei della Toscana con la Villa medicea La Petraia e i borghi storici di Peretola e Quaracchi, con un programma di attività promosso da Stazione Utopia. Il progetto a cura di Stazione Utopia e Rete Musei di tutti è realizzato con il sostegno della Regione Toscana, della Fondazione CR Firenze e di Unicoop Firenze.

La ‘Settimana di azione contro il razzismo’ è un appuntamento tradizionale dell’UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali rivolto ad un ampio pubblico grazie ad un intenso calendario di iniziative di informazione, sensibilizzazione e animazione territoriale promosse in tutta Italia. L’evento è realizzato ogni anno in occasione della celebrazione in tutto il mondo della Giornata per l’eliminazione delle discriminazioni razziali, fissata nella data del 21 marzo dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

In occasione della manifestazione, tra il 16 e il 21 marzo Amir propone un ricco e articolato programma, quest’anno alla sua seconda edizione, dal titolo Inform Perform Trasform, Ri-visitare il patrimonio culturale, che si propone di esplorare le dinamiche che la presenza di soggetti e narrative finora esclusi attivano nelle politiche museali di valorizzazione e trasmissione del sapere. Agendo come una sorta di lievito, la presenza di persone tradizionalmente escluse dal processo culturale, attiva infatti una trasformazione radicale nelle pratiche dei musei, che da istituzioni preposte alla conservazione e promozione del patrimonio artistico, diventano sempre più luoghi capaci di accogliere e produrre i cambiamenti sociali.

All’interno della complessità contemporanea, la lettura del patrimonio storico-artistico in chiave interculturale proposta dal progetto Amir vuole offrire anche quest’anno ai visitatori e alla città l’opportunità di conoscere punti di vista inediti e nuove narrative per avviare un dialogo sul valore delle culture come risultato della mescolanza e dell’incontro secolare fra i popoli, capaci di contribuire con spunti e suggestioni a un’educazione all’antirazzismo e all’antidiscriminazione. Per pensare e costruire insieme una nuova forma di società.

 

COME FUNZIONA

  • Gli ingressi ai musei e le visite sono gratuiti
  • Le visite durano circa un’ora e mezza
  • La prenotazione è obbligatoria sul sito www.amirproject.com
  • Per gruppi (da 6 a 15 partecipanti) o per richieste speciali si prega di contattare la segreteria amirmuseums@gmail.com
  • Il punto di partenza delle visite è presso le biglietterie dei musei e complessi monumentali
  • Per il calendario completo delle visite proposte consulta il sito www.amirproject.com
  • Si consiglia di presentarsi al punto di partenza con 15 minuti di anticipo.

 

PROGRAMMA

venerdì, 18 marzo h. 15.30, Museo degli Innocenti 

IL MESTIERE DI MADRE

1° febbraio 1445: Monna Chiara varca la soglia degli Innocenti. Sarà la prima balia di cui si ha notizia certa. Qui le donne hanno da sempre un ruolo fondamentale nell’accoglienza e nella cura dell’infanzia, un’attenzione che l’Istituto persegue tutt’ora anche grazie alle sue strutture di accoglienza per madri e bambini. L’inedita visita offrirà la possibilità di riscoprire la centralità del ruolo femminile agli Innocenti e di confrontarlo con le realtà dei paesi d’origine dei mediatori AMIR.

Copia su Google Calendar

A questo link il programma completo della settimana di azione contro il razzismo

Aggiungi un tuo commento

Museo degli Innocenti © 2022. All Rights Reserved
Team Redazione / Comunicazione ThePlusPlanet By Cristoforo SC:  Dott.ssa  Stefania Cottiglia

Designed by Sinaptic

Skip to content