Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00
Torna a tutti i post

A Firenze la nuova mostra ‘Steve McCurry Children’

Firenze, 17 aprile 2023 – La nuova mostra “Steve McCurry Children” del celebre fotografo americano apre il 19 maggio al pubblico al Museo degli Innocenti di Firenze. 100 fotografie saranno esposte fino all’8 ottobre per ammirare la prima mostra tematica dedicata all’infanzia del fotografo più amato di sempre, realizzate in quasi cinquant’anni di attività e che ritraggono bambini da ogni angolo del mondo in scene di vita quotidiana. 

Un omaggio ad un periodo straordinario della vita, una galleria di ritratti sorprendenti che racconta l’infanzia in tutte le sue sfaccettature con una caratteristica comune a tutti, lo sguardo dell’innocenza, e che si concretizza proprio nel luogo simbolo dell’infanzia, l’Istituto degli Innocenti di Firenze che da oltre 600 anni si occupa ininterrottamente di promuovere e tutelare i diritti dei bambini. Un luogo progettato da Filippo Brunelleschi, bello, pensato per dare  l’opportunità di un futuro ai piccoli affidati alle cure della comunità e la cui storia è rappresentata nel Museo degli Innocenti . Un compito che l’Istituto degli Innocenti interpreta, in chiave moderna,  ancora oggi facendosi luogo non solo di accoglienza ed educazione, ma anche di studio, ricerca e  promozione culturale per il benessere delle nuove generazioni e per l’affermazione concreta dei loro diritti.

I bambini immortalati dall’obiettivo di McCurry sono diversi per etnia, abiti e tradizioni ma esprimono lo stesso sentire con la loro inesauribile energia, gioia e capacità di giocare persino nei contesti più anomali e difficili, spesso determinati da condizioni sociali, ambientali o di conflitto.

Basti pensare alla celebre piccola afghana ritratta in un campo di rifugiati nel 1984, divenuta emblema delle condizioni patite nei territori di guerra prima ancora che le Nazioni Unite stilassero la Convenzione sui Diritti dei Bambini, entrata in vigore nel 1989. 

In questo scenario di rilevanza globale, l’intento di McCurry è anche quello di sensibilizzare sul tema dello sfruttamento giovanile. Nei paesi in cui il fotografo ha viaggiato, soprattutto in Asia, troppo elevato è il numero di bambini costretti a lavorare quando dovrebbero giocare e andare a scuola. 

“La visione dell’infanzia di McCurry è variegata e diversificata, come i bambini di tutto il mondo. Ma, a prescindere da dove punta il suo obiettivo, il filo conduttore è questo: finché ci sono bambini c’è speranza”. E dalle foto emerge potente “L’eterna resilienza dei bambinipresenza vivida negli scatti di Steve McCurry, che ha catturato il desiderio e la capacità di trovare gioia anche nelle condizioni più difficili. Il gioco come necessità si manifesta in innumerevoli modi, come nella foto dei bambini che si arrampicano sul carro armato arrugginito, trasformando uno strumento di morte in una fonte di divertimento. Questi bimbi non sono mossi né da un’ideologia né da una filosofia: stanno semplicemente convertendo una terribile arma in un giocattolo…”, afferma Owen Edwards, critico fotografico.

Grazie alla sua straordinaria capacità narrativa, ogni immagine  è un vero e proprio capitolo di storia

che diventa una finestra sulla vita dei soggetti catturati dall’obbiettivo, capace di esprimere  l’essenza e la passione, in questo caso, per i bambini, di cui riesce a trasmettere la genuinità e la spensieratezza di esseri puri. 

 “Gli scatti memorabili di Steve McCurry catturano magistralmente il cuore, l’anima e l’umanità dei bambini, fino agli angoli più remoti del nostro pianeta. La sua arte diventa una sorta di meditazione, intensa e indimenticabile. Una fotografia che mi tocca profondamente è quella in cui McCurry immortala un’insegnante e un gruppo di bambine in una baracca di fango in Pakistan, il mio Paese d’origine. La lavagna è appoggiata contro un palo di legno e non c’è elettricità, a parte la passione elettrizzante della maestra e gli occhi accesi delle allieve, ansiose di assorbire i suoi insegnamenti. Stanno imparando a volare….C’è della bellezza nel modo in cui i bambini giocano, e nel modo in cui imparano. Nonostante le scarse risorse a loro disposizione, si divertono saltando, correndo, nuotando, mostrando sempre curiosità, felicità, adattabilità, resilienza. La loro capacità di trovare gioia nelle circostanze più difficili he del miracoloso e si rivela perfino in situazioni di conflitto e povertà.” Ziauddin Yousafzai, padre di Malala, attivista pakistano.

La mostra di Firenze inizia con una straordinaria serie di ritratti e si sviluppa tra immagini di guerra e di poesia, di sofferenza e di gioia, di stupore e di ironia. Il visitatore seguirà idealmente McCurry nei suoi viaggi attraversando India, Birmania, Giappone, Africa fino al Brasile, entrando in contatto con le etnie più lontane attraverso le condizioni sociali più disparate, mettendo in evidenza una condizione umana fatta di sentimenti universali e di sguardi la cui fierezza afferma la medesima dignità. Un viaggio ideale che consente di attraversare le frontiere e di conoscere da vicino un mondo destinato a grandi cambiamenti, e che sarà accompagnato da approfondimenti di attualità curati dall’Istituto degli Innocenti che studia la condizione dei bambini e dei ragazzi, che accompagneranno le sezioni tematiche in cui si articola la mostra, illustrando i contesti e gli ambiti di esperienza che ne emergono in relazione ai diritti che devono essere loro garantiti.

Dall’Afghanistan all’India, dal Messico al Libano fino in Italia, la mostra descrive la condizione dell’infanzia, fatta di espressività e stili di vita diversi, ma anche di situazioni universali. 

Incontriamo bambini profughi o lavoratori, bambini immemori del pericolo che giocano ad arrampicarsi su un cannone o si divertono nel fango, che rincorrono un pallone durante un acquazzone monsonico, o suonano una chitarra realizzata con materiali di scarto. Bambini che crescono nelle grandi città come nei villaggi rurali. Storie di gioia e aggregazione, di solitudine, di resilienza e solidarietà, di famiglia e amicizia, raccontate con rispetto ed empatia. McCurry Children è un viaggio nell’infanzia per incontrare piccoli esseri umani che affrontano condizioni tanto diverse, ma che parlano un linguaggio in cui ciascuno può riconoscersi. Un viaggio anche nel ricordo della propria infanzia, e uno spunto di riflessione circa la responsabilità che abbiamo verso le nuove generazioni, nella consapevolezza che il sogno di un futuro più giusto dipenda dalle azioni del nostro presente.

Steve McCurry è una delle figure più iconiche e uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea. Punto di riferimento per un larghissimo pubblico che nelle sue fotografie riconosce un modo di guardare il nostro tempo, all’Istituto degli Innocenti il visitatore potrà ripercorrere un viaggio simbolico nel complesso universo di esperienze e di emozioni che caratterizza le sue celebri immagini, grazie anche al supporto di un’audioguida e di un video esplicativo….

La mostra curata da Biba Giacchetti con Melissa Camilli del team di SudEst57, promossa dal Comune di Firenze , in collaborazione con l’Istituto dell’Istituto degli Innocenti, prodotta e organizzata da Civita Mostre e Musei con In Your Event by Cristoforo SCS, e realizzata con il supporto di Unicoop Firenze, I Gigli e Mercato Centrale, sarà aperta dal 19 maggio sino all’ 8 ottobre negli spazi del Museo degli Innocenti.

 

INFO

STEVE McCURRY CHILDREN

Firenze, Museo degli Innocenti

Piazza SS. Annunziata, 13

 

Dal 19 maggio all’8 ottobre 2023 

Tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00

La biglietteria chiude un’ora prima

 

Biglietti solo mostra comprensivi della visita al Museo degli Innocenti

Audioguida inclusa nel biglietto di ingresso

 

Open € 16,00

Intero € 14,00

Ridotto € 12,00 gruppi (minimo 7 e massimo 20 partecipanti), militari di leva e appartenenti forze dell’ordine, diversamente abili, giornalisti con regolare tessera dell’Ordine, possessori tessera Unicoop Firenze e Gigli Pass, titolari apposite convenzioni

Ridotto € 10,00 visitatori compresi tra i 12 ed i 25 anni

Ridotto € 7,00 bambini tra i 5 e gli 11 anni

Ridotto € 6,00 scolaresche o visitatori con biglietto della Galleria dell’Academia

Ridotto famiglia € 30,00: due adulti + 1 biglietto under 12 acquistabile solo in cassa

 

Diritto di prenotazione: € 1,50 

 

Informazioni e prenotazioni

www.civita.art

www.museodeglinnocenti.it

booking@istitutodeglinnocenti.it

+39 0552037122 dalle 09:00 alle 18:00 ogni giorno

 

Ufficio stampa

 

Istituto degli Innocenti

Federica Momentè – M. +39 347 9185625 – responsabile.comunicazione@istitutodeglinnocenti.it

 

Civita Mostre e Musei

Ombretta Roverselli M. + 39 3495925715 ombretta.roverselli@civita.art

Aggiungi un tuo commento

Museo degli Innocenti © 2023. All Rights Reserved
Team Redazione / Comunicazione ThePlusPlanet By Cristoforo SC:  Dott.ssa  Stefania Cottiglia

Designed by Sinaptic

Informiamo i visitatori che la mattina di giovedì 18 aprile 2024 il Percorso Arte del Museo degli Innocenti sarà chiuso tra le ore 10.00 e le 11.00 circa per lo svolgimento di un breve intervento allestitivo. Ci scusiamo per eventuali disagi
We inform visitors that on the morning of Thursday, April 18, 2024 the Art Route of the Museo degli Innocenti will be closed between approximately 10 a.m. and 11 a.m. in order to carry out a short installation work. We apologize for any inconvenience
Skip to content